Pagine

martedì 25 giugno 2013

La truffa dell’Euro

aaaaNon sappiamo più come dirlo, non sappiamo più quali parole usare, ma lo ripeteremo fino alla noia.
L’euro è una truffa come lo è la comunità europea in questo stato di cose ossia sotto la blindatura dei trattati Maastritch, Lisbona, Mes, Fiscal compact, Nato, WTO, ecc. Non abbiamo più la sovranità di niente se non solo quella di decidere chi ci deve prendere per i fondelli per un altro turno (ed in parte nemmeno quella leggasi porcellum).
Ora se uno è consapevole di essere dentro una truffa cosa fa?
1) Aspetta perchè non è ancora convinto della truffa?
2) Denuncia il truffatore e aspetta?
3) Si lascia truffare perchè in fondo si lasciano truffare tutti?
4) Fa di tutto per uscire dalla truffa e la fa conoscere agli altri?
Sono quattro ipotesi che potrebbero rapresentare uno scenario di gente normale, si ma cosa vuol dire normale, in un paese dove l’infomrazione è orribilmente manipolata.

Il popolo manipolato e stregato dalla politica gerontocratica al giuoco della finanza internazionale non si muove, o meglio la maggioranza non si muove. Se diamo per buono il movimento di Grillo, e al momento siamo in attesa di giudizio, almeno il 26% di quelli che sono andati a votare sembra si siano svegliati almeno per affermare che così, non si può più andare avanti.
Non siamo convinti che siano consepvoli sulle fondamantali (multinazionali, monetadebito, NWO) ma certamente sulla cattiva genstione (Sprechi, ruberie, nepotismo, corruzione, ecc).
In tv si susseguono le varie trasmissioni vomitevoli di sistema garanti della verità di sistema manipolata per continuare a drogare la popolazione sopratutto sull’euro (truffa) e continuare a propagandare che sia la panacea di tutti i mali e guai ad uscire dall’euro!!! (Meno male che la lista Giannino ha fatto la fine che ha fatto è gli sta bene ad imprese che resistono che erano state avvertite per tempo). Se c’è una cosa che uccide le imprese è proprio questo neoliberismo (che propagandava proprio il sig. Giannino)
Lo stesso Grillo che detta le linee guida “democratiche” al suo movimento 5 stelle, su questa strada si muove timidamente, non si capisce se per non disturbare la sua base in odore sinistroide o per non disturbare il potere finanziario, quasi a volergli chiedere prima il permesso per poterlo attaccare direttamente (magari con un referendum!!??). Perchè non dire chiarmante, quello che lui sa perfettamente che l’eruo è la causa prima della crisi. Una crisi che sta nel sistema monetario del dollaro e dell’euro. Perchè nessuno parla di sitema di emissione monetaria?
La situazione è vermante drammatica in una società ad alta industrializzazione monetaria, far mancare la moneta significa uccidere indirettmaante tutti. Una società basata su un sitema a moneta debito in cui il controllo monetario è in mano agli usurai (i mercati) non può che uccidere i suoi sudditi-cittadini per riconoscere gli interessi agli usurai. Nelle società rurali dove parte dell’economia ancora funziona con cicli estranei alla moneta di sistema, le crisi potrebbero essere meno brucianti e più sopportabili, ma nel nostro sitema dove la moneta a corso forzoso imposta con il sitema fiscale di “equi-omicidio-itali” e dove il 60% della popolazione vive in città, dove l’intera vita si regge sul circolo della moneta, la crisi non potrà che essere devastante con la complità della strage di stato. Noi ci stiamo avvicinando ad un ritmo forsennato, senza che ci rendiamo conto della gravità devastante, ad un baratro senza confronti. I vecchi partiti, soprattutto quello che si è battuto per portaci in questo sistema di eurousura, fanno di tutto per farci rimanere nell’euro, o per incoscenza o per ignoranza o perchè avendo avuto venduto l’anima all’usuraio non possono più tornare in idetro. Questi partiti si comportano in  maniera abbominevole e schifosa calpestando la dignità dei propri elettori. Se solo il resto del popolo capisse la gravità ci sarebbero giàle ghigliottini in piazza montecitorio. Se solo la gente capisse che il debito, oltre che essere nullo ed immorale è gia stato pagato, oltre ogni ragionevole dubbio e che ci stanno rubando, il patrimonio pubblico, il patrimonio privato, l’identià, la dignità, la vita, il tempo e la sovranità,  domani stesso sarebbe il giorno della rivoluzione e delle forche Caudine. Ma anche questo appello rimmarra chiuso in questo blog o qualche pagina di giornale, letto forse da dieci o forse venti cari amici, poichè ancora non si comprende la gravità del sucidio assistito a cui ci stanno portando; “ogni uno in fondo è perso dentro ai fatti suoi” (Vasco) ogni uno in fondo ha sempre altre priorità che non diffondere che ci stanno suicidando tutti e pure con il nostro consenzo.
Giuseppe Turrisi
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...