Pagine

sabato 6 luglio 2013

Il sonno può giocare ruolo importante sulla salute del cuore

malattie cardiovascolari,sonno
Il  sonno aumenta i benefici di uno stile di vita sano per il cuore, secondo un nuovo studio di grandi dimensioni dei Paesi Bassi,  pubblicato sulla rivista European Journal of Preventive Cardiology il 4/7/2013.
Secondo i ricercatori, non fumare, esercizio fisico regolare, una dieta sana e consumo moderato di alcol, sono elementi di uno stile di vita sano che protegge dal rischio di  malattie cardiovascolari (CVD). Tuttavia, essi  hanno anche trovato che il sonno sufficiente (almeno 7 ore a notte), aumenta ulteriormente i vantaggi per il cuore . La loro analisi suggerisce che l’effetto del “sonno sufficiente” sul cuore, potrebbe essere simile a non fumare. Malattie cardiovascolari (CVD) è un termine generale che indica le malattie del cuore o dei vasi sanguigni, come la malattia coronarica , ictus malattia arteriosa periferica e malattia aortica.  Monique Verschuren, principale autore dello studio presso l’Istituto nazionale olandese per la salute pubblica e l’ambiente, ha dichiarato in una nota che l’importanza del sonno sufficiente “dovrebbe essere menzionata come un modo in più per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari.” Lei ed i suoi colleghi hanno concluso che l’impatto sulla salute pubblica di un sonno sufficiente “potrebbe essere sostanziale.” “E ‘sempre importante  confermare i risultati”, dice Verschuren “, ma l’evidenza che il sonno dovrebbe essere aggiunto alla nostra lista di fattori di rischio cardiovascolare, è certamente  cresciuta”. L’insonnia è stata collegata a obesità ,alta pressione arteriosa e  altri fattori direttamente connessi con il rischio cardiovascolare, secondo i ricercatori.

Un altro studio pubblicato recentemente, suggerisce che il sonno potrebbe essere la chiave per prevenire il diabete di tipo 2. Nel loro grande studio di follow-up, Verschuren e colleghi hanno scoperto che la combinazione dei quattro fattori di stile di vita tradizionale, sono collegati ad un rischio inferiore del 57% sia di malattie cardiovascolari fatali che non fatali e ad un rischio inferiore del 67% degli eventi mortali , ma quando hanno aggiunto il sonno sufficiente ai quattro fattori, il beneficio sul cuore aumentata ulteriormente: il rischio composito di CVD era inferiore al 65% e il rischio di eventi fatali era inferiore all’ 83%. I ricercatori hanno definito “sonno sufficiente”, come 7 o più ore per notte. I ricercatori concludono che seguire tutti i cinque fattori di stile di vita sano, incide del  36% su fatale e non fatale CVD e del 57% sugli eventi mortali che potrebbero essere prevenuti.
L’ampio studio, è stato chiamato ” Progetto di monitoraggio sui fattori di rischio per le malattie croniche” (MORGEN). I partecipanti, 6672 uomini e 7967 donne di età compresa tra 20-65 , erano liberi da CVD quando sono stati reclutati. Lo studio li ha seguiti per una media di 12 anni. Informazioni sugli stili di vita dei partecipanti, come il consumo di alcol, attività fisica, la dieta, il fumo e la quantità di sonno, sono state registrate tra il 1993 e il 1997. Sono stati poi utilizzati i registri nazionali di mortalità. I risultati, come previsto, hanno dimostrato che ognuno dei quattro fattori di stile di vita tradizionali (non fumare, dieta sana, esercizio fisico e moderato di alcol) era legato al ridotto rischio di CVD. Ad esempio, i partecipanti che all’atto dell’iscrizione seguivano una dieta sana, eseguivano abbastanza esercizio fisico e assumevano solo moderate quantità di alcol, hanno  avuto il 12% di rischio fatale o non fatale, ossia tra i più bassi di rischio CVD . La riduzione del rischio di malattia cardiovascolare fatale variava dal 26% con  esercizio sufficiente e del  43% per non fumatori. I dati per la durata del sonno hanno mostrato un legame con il rischio di CVD. Per esempio, da solo,  sufficiente sonno (senza gli altri fattori) ha ridotto il rischio di fatali e non fatali CVD di circa il 22% e fatali CVD di circa il 43% rispetto al sonno insufficiente. L’analisi ha mostrato che l’effetto del sonno sufficiente era lo stesso legato al non fumare.
VERSCHUREN fa notare che sette ore è la durata media del sonno che “è probabile che sia sufficiente per la maggior parte delle persone”. Lei e il suo team hanno  effettuato un precedente studio sulla qualità del sonno e trovatoche le  persone che non dormono a sufficienza (meno  di 7 ore) avevano un rischio del 63% più elevato di malattie cardiovascolari, rispetto alle persone che hanno avuto il sonno sufficiente. Ma coloro che si svegliano sentendosi riposati, anche se non hanno ottenuto il richiesto sonno di 7 ore, non hanno avuto l’aumento del rischio. Nel complesso, la relazione conclude che poco sonno aumenta anche il rischio di cattiva salute mentale .
Fonte Medical news
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...