Pagine

giovedì 18 luglio 2013

Goldman Sachs raddoppia gli utili mentre l’economia soffre

Può sembrare un controsenso in questo periodo di crisi economica mondiale,  eppure le banche non sembrano fermarsi. Goldman  Sachs, una delle più importanti banche di investimento al mondo,  polverizza le attese raddoppiando gli utili. La maggior parte degli utili  conseguiti da uno dei più grandi player sul mercato provengono da attività di trading su materie prime, dal comparto fixed  income e dal mercato valutario. Il fatturato generato  è pari a 2,46 miliardi di dollari mentre i profitti  netti balzano a 1,93 miliardi di dollari contro i “soli” 962 milioni di  dollari dello stesso periodo dell’anno precedente.
Sui numeri rilasciati, arrivano subito le parole del numero uno di Gs, Lloyd  Blankfein che ha definito i conti della banca molto solidi, complici  di una situazione economica di ripresa che ha guidato i clienti verso una minore  avversione al rischio.
I dubbi su questa dichiarazione non sono pochi. Per prima cosa sembra  allargarsi il divario tra economia e finanza: mentre banche di  investimento come Goldman Sachs continuano a  generare profitti, l’economia reale deve essere aiutata dalla banche centrali  che operano in simbiosi con il sistema finanziario. Bce, Fed e Boj hanno aiutato  il sistema con liquidità facile, il che ha permesso alle banche più “scaltre” di  generare profitti tramite il giusto collocamento delle risorse nei mercati  finanziari in crisi, ottimi per sfruttare occasioni a breve termine.
Il miglior esempio di ciò che viene detto è il fatto che molte banche, almeno  in Europa, hanno usato la liquidità dell’LTRO per appianare gli spread e  comprare titoli a reddito fisso con prezzi a dir poco scontati. L’occasione è  stata ben sfruttata e vedendo i numeri di Goldman Sachs, sembra proprio che  anche la banca americana non si sia lasciata sfuggire l’occasione: non a caso  uno dei comparti che ha generato più utile nell’ultimo trimestre è proprio  quello del fixed income (reddito fisso). Per non parlare dei profitti da  trading, profitti relativamente facili per un grande player come GS, complice la  liquidità della banche centrali che aiuta la disposizione di risorse per le  banche di investimento.
Osservando quindi i numeri di Goldman Sachs, vediamo che gli utili  stratosferici della banca non provengono da settori legati  all’economia quali i prestiti, bensì da attività che una sola  istituzione finanziaria può compiere, così come l’operatività in materie prime,  dal comparto del reddito fisso e dal trading sul mercato valutario, mercato non  regolamentato e più facilmente agibile per un player importante come GS che può  operare direttamente nel mercato interbancario.Mentre l’economia mondiale soffre la crisi, la finanza continua a bruciare i  target.
David Pascucci
Fonte: http://it.ibtimes.com/articles/52926/20130716/trimestrale-goldman-sachs.htm#ixzz2ZHAgTGwc
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...